Con la legge n. 394 del 6 dicembre 1991 “Legge quadro sulle aree protette”, lo Stato ha inteso sottoporre i territori in cui sono presenti particolari valori naturali ad uno speciale regime di tutela e di gestione, con lo scopo di perseguire le seguenti finalità:
“ a) conservazione di specie animali o vegetali, di associazioni vegetali o forestali, di singolarità geologiche, di formazioni paleontologiche, di comunità biologiche, di biotopi, di valori scenici e panoramici, di processi naturali, di equilibri idraulici e idrogeologici, di equilibri ecologici;
b) applicazione di metodi di gestione o di restauro ambientale idonei a realizzare una integrazione tra uomo e ambiente naturale, anche mediante la salvaguardia dei valori antropologici, archeologici, storici e architettonici e delle attività agro-silvo-pastorali e tradizionali;
c) promozione di attività di educazione, di formazione e di ricerca scientifica, anche interdisciplinare, nonché di attività ricreative compatibili;
d)difesa e ricostruzione degli equilibri idraulici e idrogeologici.“
Tra le altre, l'area naturale protetta dei Campi Flegrei è individuata con la legge regionale n. 33 del 1 settembre 1993 che, in attuazione degli articoli 9 e 32 della Costituzione e secondo le disposizioni della legge n. 394 del 6 dicembre 1991, “detta principi e norme per l'istituzione e la gestione delle aree protette, al fine di garantire e promuovere, in forma coordinata, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale della Regione Campania”.
Con delibera di Giunta Regionale della Campania n. 2775 del 26 settembre 2003 (B.U.R.C. n. Speciale del 27/05/2004) viene istituito, in via definitiva, il Parco dei “Campi Flegrei”, ai sensi dell'art. 6 della L.R. 33/1993, delimitando la perimetrazione delle aree terrestri e marine da destinare a Parco, corredata della descrizione dei luoghi. Viene, altresì, definita la zonizzazione, con le misure transitorie di salvaguardia, così suddivisa:
 zona “A” - Area di riserva integrale;
 zona “B” - Area di riserva generale orientata e di protezione;
 zona “C” - Area di riqualificazione dei centri abitati, di protezione e di sviluppo economico e sociale.
Il Parco è inserito in un ambito territoriale dei Campi Flegrei, costituito dalla parte occidentale della città di Napoli, da Pozzuoli, Bacoli e Monte di Procida e ne ricomprende il patrimonio naturale costituito dalle formazioni fisiche, geologiche, geomorfologiche e biologiche (terrestri e marine) che, in forma di ecosistemi unitari e interconnessi, hanno rilevante valore naturalistico e ambientale.
L'azione di tutela e di valorizzazione è esercitata attraverso un particolare regime che tiene conto dei valori naturalistici, ecologici, geomorfologici ed ambientali di ciascuna area, nonché in rapporto agli usi delle popolazioni locali ed alla situazione delle forme di tutela già esistenti, nonché del regime di proprietà, fortemente diversificato.

Documenti

L. 394/1991

L.R. 33/1193

D.G.R. 2775 del 26/09/2003

Il tempo

giweather joomla module

Newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per essere aggiornato in tempo reale su tutte le novità e le iniziative del Parco

Potrai cancellarti in qualsiasi momento